V.le Don Tonino Bello, s.n.c. - 73013 Galatina (LECCE)
Tel: 0836/566833-528514 fax: 0836/566833
Email: leps04000e@istruzione.it
 Pec: leps04000e@pec.istruzione.it

Liceo Scientifico e Linguistico "A.Vallone"

EVENTI
PON FSE-FESR
TRASPARENZA
LA BUONA SCUOLA
ARCHIVIO
Utenti on line
STATISTICHE
  • 1
  • 507
  • 6.277
  • 18.729
  • 2.539.995
  • 478.337
  • 2.088
  • 5

Tasse scolastiche



ISCRIZIONI, TASSE ERARIALI e CONTRIBUTI VOLONTARI

images



ISCRIZIONI al SECONDO, TERZO, QUARTO e QUINTO ANNO per il 2016/17

Circolare informativa…>>

Circolare MIUR su “Limiti di reddito per l’esonero dal pagamento dalle tasse scolastiche per l’anno scolastico 2017/2018″…>>


LIMITI MASSIMI DI REDDITO PER ESENZIONE TASSE SCOLASICHE GOVERNATIVE – Anno scolastico 2016/17

Con nota  prot. n. 2076 del 23.2.2016, pervenuta alla scuole in data 7 marzo 2016, il MIUR comunica i limiti massimi di reddito, ai fini dell’esenzione dalle tasse scolastiche per l’anno scolastico 2016/17, che di seguito si riportano.

news-
Per i nuclei familiari formati dal seguente numero di persone Limite massimo di reddito per l’anno sc. 2015/16 riferito all’anno d’imposta
Rivalutazione in ragione dell’1% con arrotondamento all’unità di euro superiore Limite massimo di reddito per l’a. sc. 2016/17 riferito all’anno d’imposta 2015
1 5.283,00 53,00 5.336,00
2 8.760,00 88,00 8.848,00
3 11.259,00 113,00 11.372,00
4 13.447,00 134,00 13.581,00
5 15.633,00 156,00 15.789,00
6 17.718,00 177,00 17.895,00
7 ed oltre 19.798,00 198,00 19.996,00

  TASSE ERARIALI

A partire dall’anno scolastico 2006/2007, il principio dell’obbligatorietà e gratuità dell’istruzione, previsto dall’art. 34 della Costituzione, è stato esteso dalla normativa attuale, fino a ricomprendere i primi tre anni degli istituti di istruzione secondaria superiore e dei percorsi sperimentali di istruzione e formazione professionale realizzati sulla base dell’accordo-quadro in sede di Conferenza Unificata Stato-Regioni, Città e Autonomie Locali del 19-6-2003.
Conseguentemente, gli studenti che si iscrivono al primo, secondo e terzo anno dei corsi di studio degli istituti di istruzione secondaria superiore entro l’assolvimento dell’obbligo scolastico, sono esonerati dal pagamento delle tasse scolastiche erariali.
Nell’ultimo biennio delle scuole secondarie superiori (dopo il compimento del sedicesimo anno di età e il conseguente assolvimento dell’obbligo scolastico), le tasse scolastiche erariali sono obbligatorie.
L’impianto normativo tuttora in vigore in tema di tasse scolastiche (Decreto legislativo 16 Aprile 1994, n. 297, art. 200) prevede quattro distinti tipi di tributo: di iscrizione, di frequenza, di esame e di rilascio di diploma.
TIPOLOGIA DESCRIZIONE IMPORTO
Tassa di iscrizione È  esigibile all’atto dell’iscrizione ad un corso di studi secondari, dopo il compimento dei 16 anni da parte dello studente, vale per l’intera durata del ciclo ed è devoluta integralmente all’Erario. € 6,04
 Tassa di frequenza  Deve essere corrisposta ogni anno, dopo il compimento dei 16 anni da parte dello studente. La tassa deve essere pagata per intero sia nel caso che l’alunno si ritiri dalla scuola sia nel caso che sia costretto ad interrompere la frequenza per motivi vari. In caso di trasferimento di uno studente da istituto statale ad altro statale, il pagamento è riconosciuto valido dalla nuova scuola.  € 15,13
Tassa di esame Deve essere corrisposta esclusivamente nella scuola secondaria superiore al momento della presentazione della domanda per gli esami di idoneità, integrativi, di licenza, di qualifica, di Stato € 12.09
Tassa di diploma La tassa deve essere corrisposta in unica soluzione, al momento della consegna del titolo di studio. Per la tassa di diploma non e’ prevista la concessione di esonero per motivi di merito, ma solo quella per motivi economici o di appartenenza a speciali categorie (circolare ministeriale 15.05.1987, n. 146). € 15,13
Le tasse scolastiche erariali si versano sul c.c.p. n° 1016 intestato all’Agenzia delle Entrate – Centro Operativo di Pescara, precisando la causale, utilizzando i bollettini disponibili presso gli uffici postali.

 ESONERO DALLE TASSE SCOLASTICHE
 L’art. 200 del T.U. n. 297/1994 definisce e regolamenta i casi in cui è ammessa la dispensa dal pagamento delle tasse scolastiche e che di seguito vengono specificati.
Ai sensi del Decreto legislativo 16 Aprile 1994, n. 297, art. 200, l’esonero dal pagamento delle tasse scolastiche puo’ essere consentito per merito, per motivi economici, e per appartenenza a speciali categorie di beneficiari.

TIPI di ESONERO DESCRIZIONE
 Esonero per MERITO  È concesso agli alunni che abbiano conseguito una votazione non inferiore agli 8/10 di media negli scrutini finali dell’anno di riferimento. Nella media si computa il voto di condotta che non deve essere inferiore a 8/10.
Esonero per MOTIVI ECONOMICI È concesso quando il reddito del nucleo familiare, prodottosi nell’anno solare precedente a quello in cui viene richiesto l’esonero, non sia superiore ai limiti stabiliti annualmente da un’apposita circolare ministeriale. Nella determinazione del reddito familiare devono essere computati tutti i redditi prodotti dai componenti.
Esonero per APPARTENENZA a SPECIALI CATEGORIE

È concesso  a studenti:

  • Orfani di guerra, per causa di servizio e di lavoro;
  • Figli di mutilati o di invalidi di guerra, per causa di servizio e di lavoro;
  • Ciechi civili;
  • Studenti stranieri, in condizioni di reciprocità.
  • I tre tipi di esonero su specificati valgono per tutte le tasse scolastiche erariali, ad eccezione della tassa di diploma, per la quale non è consentita la concessione dell’esonero per motivi di merito. (c. m. 15.05.1987, n. 146).
  • Condizione indispensabile ai fini della concessione dell’esonero è  il voto in condotta non inferiore ad otto decimi (T.U., art.200, c.9).
  • I benefici previsti sono persi dagli alunni che incorrano nella punizione disciplinare della sospensione superiore a 5 giorni od in punizioni disciplinari più gravi.
  • I benefici stessi sono sospesi per i ripetenti, tranne i casi di comprovata infermità. (T.U., art. 200, c.11).

CONTRIBUTI  SCOLASTICI VOLONTARI

Vengono deliberati annualmente dal Consiglio d’Istituo (Organo collegiale dove sono rappresentate tutte le componenti che operano nella scuola: genitori, docenti, studenti, personale ATA), nel rispetto delle norme di seguito indicate:

Il Consiglio d’Istituto del Liceo “A. Vallone”, con atto di deliberazione a carattere permanente, n° 8 del 26 novembre 2014, ha determinato gli importi dei contributi volontari a carico delle famiglie nella misura di:

  • € 60, 00 euro per le classi prime e seconde;
  • € 80,00 per le classi terze, quarte e quinte;

ed ha stabilito i criteri di utilizzo di detti fondi come di seguito riportato.

TIPOLOGIA D’USO
PERCENTUALI
Assicurazione Infortuni e Responsabilità Civile 12% circa
Progetti   di ampliamento e arricchimento dell’offerta formativa e attività di recupero apprendimenti 60% circa
Iscrizione studenti a Gare di eccellenza, partecipazione a concorsi, ALMAdiploma, ecc. 3% circa
Stampati (Es. libretti assenze, diario, pubblicazioni, fotocopie, stampati, ecc.) 10% circa
Contributo per stage linguistici 2% circa
Contributo per libri di testo, visite guidate, viaggi d’istruzione, teatro, ecc. per alunni in situazione di disagio economico 3% circa
Materiale di facile consumo 10% circa

Il versamento di tali contributi va effettuato sul c.c. p. n° 12608733 intestato a Liceo Scientifico e Linguistico “A. Vallone” – Galatina.
Tale contributo,  ai sensi dell’art. 13 della Legge n°40/2007, può essere oggetto di detrazione fiscale
.

 L’utilizzo dei contributi volontari sarà rigorosamente rendicontato nella sezione “Bilancio sociale” del nostro sito web, al fine di rendere CHIARA, TRASPARENTE e CONDIVISA la gestione delle risorse di cui disponiamo e potenziare, in un clima di fiducia, l’alleanza pedagogica tra scuola ed extrascuola. 


 RICHIESTA DI RIMBORSO TASSE E CONTRIBUTI

Per richiedere il rimborso delle tasse, nei casi in cui tale azione sia possibile (ad esempio, errore nell’effettuazione del versamento o altro), è necessario presentare relativa richiesta all’Agenzia delle Entrate, presso cui l’importo è stato versato, su apposito modulo (scaricabile cliccando qui…>>  o nella sezione “Famiglie/Modulistica”).
Per quanto riguarda il contributo scolastico, essendo lo stesso volontario e deliberato autonomamente dalle singole istituzioni scolastiche, in caso di trasferimento presso altro istituto esso può essere parzialmente rimborsato.



NEWS
PNSD
ROBOTICA
ALTERNANZA S. L.
SERVIZI ON LINE
Canale video
Icona canale video